Bonus bebè: a che punto siamo?

Bonus bebè: a che punto siamo?

Il bonus bebè rischia di diventare un vero e proprio caso di stato: negli ultimi giorni questo tema ha catalizzato l’attenzione di gran parte dell’opinione pubblica a seguito delle voci relative all’emendamento della manovra finanziaria rese note di recente.

Le risorse scarseggiano, e non si tratta certo di una novità nel nostro paese, e tra coloro che ne faranno le spese ci sono anche i neo genitori. Questa sorta di particolare prestito per i giovani era stata messa a punto dal Governo qualche anno fa, istituito dall’articolo 1, commi 125-129, legge 23 dicembre 2014, n. 190, con la volontà di sostenere la natalità in un momento socio economico particolarmente delicato. L’introduzione di questo assegno aveva registrato subito numerosi consensi in quanto visto come concreto sostegno per le famiglie con un ISEE non superiore ai 25.000 euro.

Oggi però sembra che le condizioni iniziali non possano essere più rispettate: secondo quanto riportato dalla norma scritta dalla Commissione di Bilancio il bonus bebè continuerà, ma in versione slim. La questione, in realtà, sembra ad oggi essere ancora un po’ confusa tantochè in Senato si sono accesi numerosi dibattiti in merito. Il capogruppo Pd in commissione Bilancio del Senato, Giorgio Santini, ha dovuto quindi specificare più volte che il bonus rimane della durata di tre anni, ma mentre fino ad adesso si ricevevano 80 euro al mese per tutte e trentasei le mensilità, da adesso in avanti, il sostegno economico sarà di 80 euro al mese per il primo anno e 40 per i successivi due anni. Una riduzione non da poco, che i neo genitori che vivono con stipendi già non alti, devono sopportare ed assorbire nel bilancio familiare.

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i migliori prestiti on line e richiedi il finanziamento più adatto alle tue necessità.

Strumenti di calcolo

  • Assicurazioni auto

    Risparmia fino a 500€ scegliendo una nuova compagnia assicurativa.

  • Prestiti

    Richiedi un prestito fino di importo fino a 60.000€ per le tue spese personali.

  • Conti correnti

    Confronta i conti più convenienti del mercato e metti al sicuro i tuoi risparmi.

  • Adsl

    Confronta 11 operatori e risparmia fino a 400€ sull'ADSL.