• Offerte ADSL >
  • Costi di recesso più bassi: lo speed test ci dice se conviene cambiare

Costi di recesso più bassi: lo speed test ci dice se conviene cambiare

Costi di recesso più bassi: lo speed test ci dice se conviene cambiare

Le nuove linee guida dell’Agcom rendono più convenienti sia il recesso da un’offerta di connettività internet, sia il cambio di gestore telefonico, ma siamo sicuri che ne valga davvero la pena? Mossi dalla volontà di risparmiare o dallo speed test insoddisfacente, infatti, spesso finiamo con l’operare scelte azzardate, soprattutto quando non conosciamo le nostre esigenze in fatto di navigazione in rete.

Con la recente delibera 487/18/CONS, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha stabilito che lasciare il vecchio operatore, in caso di recesso o passaggio ad altra azienda fornitrice del servizio, non può comportare costi di chiusura più elevati rispetto alla canone mensile medio dell’offerta sottoscritta. Sommato all’obbligo per le telco di esigere solo la parte rimanente degli sconti offerti al cliente durante il periodo di validità del contratto, vietando quindi la fastidiosa pratica della restituzione integrale delle promozioni, l’Agcom ha di fatto donato un maggiore dinamismo al mercato della connettività internet in Italia. Finita l’era dei costi di recesso e delle penali esorbitanti, per l’utente sarà più facile cambiare: una buona notizia che, però, nasconde anche molte insidie.

Quando conviene effettuare il recesso? Viviamo nell’era digitale e rimanere senza internet significa porsi ai margini della società dell’innovazione, anche nei rapporti con la PA. Se vivere offline è ormai un’utopia, quando si parla di recesso da un’offerta Fibra o ADSL è probabile che, dietro a tale scelta, si celi la volontà di utilizzare esclusivamente la connettività mobile, sempre più competitiva in termini di performance e traffico disponibile. Smartphone, tablet e chiavette, utilizzati anche in modalità hotspot, sono più che sufficienti per chi utilizza internet principalmente per comunicare con gli amici, per effettuare ricerche e per tenersi informato.

Quando conviene cambiare operatore? Si tratta di una scelta più complicata, in quanto è indice di insoddisfazione per il servizio offerto dall’operatore che si vuole abbandonare. I motivi sono solitamente riconducibili al risparmio ottenibile con un’azienda rivale, spesso evidente per chi utilizza i comparatori online, o alla volontà di ottenere migliori prestazioni dello speed test durante la navigazione. Conoscere le proprie esigenze di utilizzo e leggere con attenzione le proposte contrattuali delle varie aziende presenti sul mercato: sono queste le due regole d’oro per non lasciarsi sedurre da velocità elevate solo dal punto di vista potenziale, come il classico fino a, e da sconti di benvenuto di breve durata. Prima di cambiare gestore, quindi, accertatevi della qualità della copertura nella vostra zona e sfogliate con cura le pagine del contratto.

Offerte confrontate

Con Facile.it puoi confrontare le offerte ADSL degli operatori, scegliere l'offerta più adatta alle tue esigenze e richiedere l'attivazione online.

Strumenti di calcolo

  • Assicurazioni auto

    Risparmia fino a 500€ scegliendo una nuova compagnia assicurativa.

  • Prestiti

    Richiedi un prestito fino di importo fino a 60.000€ per le tue spese personali.

  • Conti correnti

    Confronta i conti più convenienti del mercato e metti al sicuro i tuoi risparmi.

  • Adsl

    Confronta 11 operatori e risparmia fino a 400€ sull'ADSL.